Chiesa: Repole, dialogo per affrontare una società complessa

Monsignore diventa oggi arcivescovo di Torino,'non sarò un vate'
Monsignore diventa oggi arcivescovo di Torino,'non sarò un vate'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 07 MAG - "Non sarò certo un vate, ma camminerò insieme a voi: so che Torino ha subito trasformazioni che hanno causato nuove povertà e diseguaglianze. La nostra è una società molto complessa, che non si può affrontare con superficialità e assenza di dialogo. Ecco, intendo partire da questa convinzione". Ha aperto così il suo primo incontro con la stampa monsignor Roberto Repole, sacerdote torinese di 55 anni che oggi viene consacrato arcivescovo di Torino con una cerimonia in Duomo. Tra le sfide del suo episcopato, e della Chiesa in generale, "quella di aprirci al confronto, con umiltà e senza paura, come fece Cristo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente, la comunità internazionale e il G7 chiedono moderazione a Israele e all'Iran

Napoli: nave veloce da Capri urta contro la banchina, almeno 29 feriti

Le notizie del giorno | 19 aprile - Pomeridiane