Loculi crollati da 5 mesi, protesta familiari a Napoli

Cancelli chiusi al cimitero, ma da lontano visibili diverse salm
Cancelli chiusi al cimitero, ma da lontano visibili diverse salm
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

- NAPOLI, 05 MAG - Protesta nel pomeriggio a Napoli davanti ai cancelli chiusi del cimitero di Poggioreale dove il 5 gennaio scorso un crollo, forse dovuto ai lavori nel sottosuolo della linea 1 della Metropolitana, danneggiò oltre 200 loculi: all'interno di alcuni di questi, da lontano, si vedono anche diverse salme che continuano ad essere esposte alle intemperie. Come accade ogni 5 del mese i parenti si sono dati appuntamento per chiedere alle istituzioni coinvolte di attivarsi per riaprire al più presto l'accesso e, ripristinando l'agibilità dei luoghi, consentire la visita dei defunti. Non potendo raggiungere i loculi dello storico cimitero che unisce Poggioreale alla collina di Capodichino, i parenti da settimane lasciano fiori e candele davanti al cancello chiuso dove ci sono anche le foto dei loro cari. Alle parole scritte su un lenzuolo affisso alle grate viene affidata tutta la rabbia nei confronti di chi non comprende il loro dolore: "Per voi si tratta solo di morti.....per noi sono il passato, il nostro essere, i nostri affetti più cari. Esigiamo rispetto!".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Addio a Iris Apfel: icona della moda che ha lasciato il segno anche alla Casa Bianca

Iran: Shervin Hajipour condannato a 3 anni e 8 mesi

Gaza: Stati Uniti pronti a inviare aiuti con gli aerei, Oms nell'ospedale Al-Shifa