Crollo yacht Russia e Ucraina,a Napoli 30% milionari in meno

A Mergellina: "abbiamo perso chi spendeva 50.000 euro al giorno"
A Mergellina: "abbiamo perso chi spendeva 50.000 euro al giorno"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 03 MAG - "Veniamo da due anni difficili per il covid, ci aspettavamo per questa estate di nuovo un boom come negli anni 2018-19 e invece la guerra ci porta il 30-35% di yacht in meno da Russia e Ucraina". Nelle settimane in cui le cronache raccontano quasi ogni giorno di mega-yacht ormeggiati in Italia e congelati in adesione alle sanzioni Ue, Massimo Luise, proprietario del molo delle barche vip a Mergellina, nel cuore del mare di Napoli, descrive l'inizio dell'estate nel Golfo, che quest'anno perde una parte delle grandi imbarcazioni provenienti dall'est Europa. "Oltre a Russia e Ucraina - spiega Luise - vengono sempre yacht da Georgia, Azerbaigian, da tanti Paesi dell'ex Urss, che ha tanti imprenditori con molte finanze e appassionati del mare. E sono persone che amano il Golfo di Napoli, dalla città a Ischia, Capri, ma anche Amalfi e Positano. Sono barche molto grandi, con proprietari che amano anche godersi le vacanze spendendo: tra ristoranti, feste a bordo con champagne, ormeggio e manutenzione dei grandi yacht gli ospiti dall'Est Europa lasciano circa 50.000 euro al giorno. Spendono più degli arabi, che amano Napoli e vengono anche loro con le grandi barche". Un gran flusso di denaro, anche per l'indtto, che quest'anno non ci sarà: "Ho assunto venti persone in vista della imminente stagione estiva ed adesso li terrò in attesa che finisca la guerra". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, via libera del Parlamento alla missione navale Aspides: mandato strettamente difensivo

Fao, donne più penalizzate degli uomini dal cambiamento del clima

Libertà dei media: ecco la situazione in Europa