This content is not available in your region

Ucraina: Parole O_stili,solo 25% top influencer si espongono

Access to the comments Commenti
Di ANSA
E cresce l'hate speech contro gay, donne e medici
E cresce l'hate speech contro gay, donne e medici

(ANSA) – TRIESTE, 30 APR – Solo il 25% dei primi 100 top
influencer su Instagram presi in esame nel periodo compreso tra
il 24 febbraio e il 21 marzo 2022 si sono esposti sul conflitto
(dato equivalente su Tik Tok, 14%), condannando la guerra ed
esprimendo sostegno al popolo ucraino con messaggi e azioni di
solidarietà – fatta eccezione per la polemica tra i Måneskin e
Chef Rubio che ha alzato i toni, rappresentando però solo l’1%
sui 675 mila contenuti che parlavano di guerra. Lo rivela
un’analisi di Intwig, società di Data-Intelligence per Parole
O_Stili, la cui quinta edizione, sul tema delle “scelte”, si
conclude oggi con le testimonianze di giornalisti, creator e
influencer dove i social diventano uno dei principali media di
informazione. Su questo tema è intervenuta la giornalista Cecilia Sala
spiegando il significato del fare social journalism attraverso
le storie del conflitto russo-ucraino e dell’ Afghanistan e
rispondendo alla domanda su perché abbia “scelto di andare
quando tutti scappavano”. Francesca Vecchioni, figlia d’arte e fondatrice
dell’associazione no-profit Diversity Lab, ha parlato del
corretto uso dei linguaggi di genere per favorire una visione
del mondo che consideri la molteplicità e le differenze come
valori e risorse preziose per le persone e le aziende. Dati Swg
2022 rivelano che gay (+7% rispetto al 2019), donne (+4%) e
migranti (dato invariato) sono i principali bersagli dell’hate
speech con un lieve aumento rispetto al 2019. Crescente l’odio
verso i medici (+8%) in seguito alla loro eccessiva esposizione
durante il periodo pandemico. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.