EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Oltre 350 magistrati al campionato nazionale calcio a otto

Accusato di propaganda Jihad nel carcere di Alessandria
Accusato di propaganda Jihad nel carcere di Alessandria
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 20 APR - Oltre 350 magistrati provenienti da 17 distretti parteciperanno dal 21 al 25 aprile presso i campi di calcio dell'antistadio dello stadio "Renato Curi" di Perugia al campionato nazionale di calcio a otto. Il torneo, autofinanziato dai partecipanti e con il patrocinio dell'Anm e della locale Figc-Lega nazionale dilettanti, prende quest'anno il titolo "Legalità - mettiti in gioco". Venerdì, dalle 17 alle 19, si terrà un incontro sul tema "Si allo sport no alla guerra", presso la sede della locale Figc-Lnd con gli studenti del "Centro internazionale Montessori" di Perugia, della scuola secondaria di primo grado "Dante Alighieri" e del liceo ad indirizzo sportivo "Mazzatinti" di Gubbio. Verranno proiettati dei filmati preparati dagli studenti sul tema della legalità e ci sarà un saluto del presidente del comitato organizzatore della marcia della Pace Perugia-Assisi. Inoltre interverranno dei magistrati per illustrare le esperienze pluriennali di educazione alla legalità nelle scuole, coi docenti e con gli studenti. Il ricavato della manifestazione verrà interamente devoluto all'associazione Dynamo camp, il primo camp di terapia ricreativa in Italia, che ospita gratuitamente bambini e ragazzi affetti da patologie gravi o croniche e le loro famiglie (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cosa ha causato il crollo del ristorante Medusa a Maiorca?

Cosa pensano i georgiani della nuova legge sull'influenza straniera?

Ilaria Salis a processo senza catene a Budapest: giudice rivela indirizzo dove sconta i domiciliari