Barista ucciso a Barletta: indagato non risponde a Gip

Per motivi economici ho mandato solo mia figlia dalla psicologa
Per motivi economici ho mandato solo mia figlia dalla psicologa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 14 APR - Si è avvalso della facoltà di non rispondere dinanzi al Gip per l'interrogatorio di garanzia il 32enne Pasquale Rutigliano, fermato l'altro ieri per l'omicidio del barista di Barletta Giuseppe Tupputi freddato da tre copi di pistola lunedì sera nel suo bar alla periferia di Barletta. L'uomo, assistito dal suo difensore, Claudio Cioce, è stato ascoltato per l'interrogatorio di garanzia dal gip del Tribunale di Trani che ha convalidato il fermo. "Aspetteremo ulteriori indagini che verranno svolte dalla Procura - ha aggiunto l'avvocato - e decideremo qual è la strada da intraprendere". "C'è una persona che è deceduta e ci sono anche i familiari e penso che in questo momento siano particolarmente sofferenti - ha concluso Cioce - e non vorrei rendere ulteriori dichiarazioni, il processo lo faremo nelle aule di giustizia". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso: nave italiana abbatte un drone degli Houthi, preoccupa la Rubymar

Stati Uniti: Trump vince le primarie dei repubblicani in tre Stati in un solo giorno

Svizzera: referendum per la riforma delle pensioni, urne aperte