EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina:Italia dona 50 mezzi Vigili fuoco, partono i primi 4

Nelle prossime ore da Trieste per Moldavia; gli altri verso Kiev
Nelle prossime ore da Trieste per Moldavia; gli altri verso Kiev
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 09 APR - Partiranno nelle prossime ore da Trieste i primi 4 di 50 mezzi dei Vigili del fuoco che il Corpo donerà alla Moldavia e all'Ucraina. Oggi il Sottosegretario agli Interni, Carlo Sibilia, ha presieduto un incontro per definire gli ultimi dettagli dell'operazione, che ha definito di "solidarietà e generosità". Si tratta di autopompe, serbatoi e autobotti, già caricati su automezzi più grandi che i vigili del fuoco, percorsi circa 1.500 chilometri, consegneranno alle autorità moldave, in sostituzione di 4 mezzi che queste ultime hanno regalato all'Ucraina. "Sono mezzi che potranno dare supporto alla popolazione civile - ha spiegato Sibilia - Li stiamo fornendo in collaborazione con il meccanismo unionale e con la Protezione civile italiana. E' un supporto materiale alle persone che hanno difficoltà in quei territori". Le prossime forniture, invece, "tra 46 e 50 automezzi saranno riunite in hub specifici, a Bari, a Bologna", ha annunciato il Sottosegretario, che si è anche confrontato con il presidente della Commissione bicamerale sui diritti umani per riempire i mezzi con aiuti umanitari. Le successive forniture "andranno direttamente in Ucraina, come organizzato con l'ambasciata italiana in Moldavia e con la Farnesina". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa: si dimette il capo del Secret Service, Biden "a breve nominerò nuovo direttore servizi segreti"

Le notizie del giorno | 23 luglio - Serale

Cina media un accordo interno tra fazioni palestinesi per la gestione postbellica di Gaza