EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Abusi e lesioni a due tirocinanti, arrestato a Parma

Domiciliari a titolare centro estetico, una vittima minorenne
Domiciliari a titolare centro estetico, una vittima minorenne
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PARMA, 01 APR - Avrebbe cercato più volte di abusare di due tirocinanti, una anche minorenne, che aveva assunto nel proprio centro estetico a Parma. Violenze sempre più pesanti concluse con l'intervento dei carabinieri del reparto operativo che, coordinati dalla Procura, hanno eseguito, nei confronti dell'indagato, italiano, una ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari per violenza sessuale e lesioni aggravate. La maggiore delle due ha raccontato agli inquirenti che l'uomo l'avrebbe molestata, strappandole la mascherina per baciarla e promesso regali in cambio di rapporti sessuali con lui. Il comportamento dell'indagato sarebbe diventato sempre più invadente e volgare e, al netto rifiuto della vittima, l'avrebbe molestata pesantemente, quindi le avrebbe storto i pollici di entrambe le mani verso il basso, una lesione che ha richiesto un intervento chirurgico con prognosi di 30 giorni. Anche la minorenne è stata molestata ed è riuscita ad allontanarsi solo grazie allo squillare di un telefono, poi si è confidata prima con un'amica e successivamente con i genitori. Il Gip, sulla base degli elementi indiziari raccolti, della relazione di un consulente tecnico e dei referti medici, ha disposto i domiciliari. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: 16 anni di carcere per spionaggio al giornalista statunitense del Wsj Evan Gershkovich

Le notizie del giorno | 19 luglio - Pomeridiane

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi