Ruba Cessna da pista piemontese, fermato nei cieli francesi

Bloccato da un Mirage 2000 dopo aver sorvolato Costa Azzurra
Bloccato da un Mirage 2000 dopo aver sorvolato Costa Azzurra
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NOVI LIGURE (ALESSANDRIA), 31 MAR - Ha rubato un aereo Cessna 172 dal piccolo aeroporto 'Mossi' di Novi Ligure (Alessandria) dirigendosi sul sud della Francia dove è stato intercettato da un caccia dell'Aeronautica militare transalpina e costretto ad atterrare all'aerodromo Aix-Les-Milles, vicino ad Aix-en-Provence. Il fatto, avvenuto ieri mattina, è stato reso noto oggi e sono state avviate indagini sia in Italia sia in Francia. Dopo la ricostruzione del volo fatta dalle autorità francesi, è stato contattato il responsabile della scuola di volo BePilot, a Novi, Paolo Visentini, che dopo avere verificato il furto del velivolo da un hangar che era stato forzato, ha presentato denuncia ai carabinieri della compagnia locale. Il decollo è avvenuto alle 6.55 di ieri quando le condizioni meteo nella zona di Novi non consentivano lezioni di volo, e il pilota sull'aereo rubato ha sorvolato Albenga (Savona) per poi dirigersi in Francia passando su Cannes. Ha poi sorvolato l'area militare di Tolone dove un Mirage 2000 decollato dalla base di Orange e un elicottero hanno affiancato il Cessna costringendo il pilota ad atterrare sulla pista Aix-Les-Milles. "Ho chiesto alla polizia francese di mandarmi una foto del pilota: - dice Visentini - magari, poiché il numero dei frequentatori della nostra struttura è abbastanza limitato, si riesce a riconoscerlo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Kiev teme un tentativo di sfondamento più ampio nell'estate del 2024

Ungheria, ecco le norme sull'immigrazione più severe d'Europa

Repubblica Democratica del Congo: preoccupa l'inquinamento da estrazione petrolifera