EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Negozi Coop Lombardia presidi di memoria per vittime delle mafie

La 'Norma della legalità' con prodotti dai terreni confiscati
La 'Norma della legalità' con prodotti dai terreni confiscati
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 MAR - In occasione della XXVII Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie del 21 marzo i 92 negozi di Coop Lombardia diventano luoghi di memoria dove si ricorda il sacrificio di chi ha perso la vita per mano delle criminalità organizzata. Al superstore di Milano Arona tanti fogli colorati, visibili a tutti coloro che passano davanti al negozio, ricordano i nomi e le storie delle vittime innocenti delle mafie. La legalità arriva anche a tavola con un piatto simbolo da cucinare con i prodotti di Libera Terra che provengono dai terreni confiscati alla criminalità organizzata. Si tratta della 'Norma della legalità' e il messaggio promosso da Coop Lombardia è impegnarsi come cittadini ad agire con responsabilità e trasparenza, affinché la legalità e la giustizia diventino "la norma" e non restino un'eccezione. "La testimonianza da sola non raggiunge l'obiettivo di creare nella coscienza delle persone l'atteggiamento giusto nel consumare, che è fondamentale - ha spiegato il vice presidente di Coop Lombardia, Alfredo De Bellis -. Bisogna arrivare a mettere a disposizione i prodotti, che oltre che buoni hanno un alto valore sociale, del maggior numero di persone". Per generare consapevolezza sulla presenza della criminalità organizzata anche sul territorio lombardo Coop Lombardia ha promosso una serata di riflessione all'Elfo Puccini di Milano, dal titolo 'Cosa vuol dire legalità? La legalità in campo (e a tavola)'. Al momento di confronto è seguito lo spettacolo con Donpasta, nome d'arte di Daniele De Michele, un dj, economista e appassionato di gastronomia che ha messo in scena il suo "Food Sound System", un progetto che mescola cucina italiana, musica e racconti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen