This content is not available in your region

'Flying Angel' lancia progetto 'angeli custodi' in aeroporto

Access to the comments Commenti
Di ANSA
In collaborazione con Enac e Assaeroporti. Adesione di 34 scali
In collaborazione con Enac e Assaeroporti. Adesione di 34 scali

(ANSA) – GENOVA, 21 MAR – Offrire assistenza in aeroporto ai
bimbi gravemente malati e alle loro famiglie, che grazie ai voli
finanziati da Flying Angels Foundation arrivano in Italia da
tutto il mondo per raggiungere gli ospedali in grado di curarli.
É questo l’obiettivo del progetto “Angeli Custodi”, promosso
dalla Fondazione specializzata nel trasferimento aereo di
bambine e bambini che necessitano di cure salvavita non
disponibili nei loro paesi di origine, grazie alla
collaborazione di Enac e di Assaeroporti. All’iniziativa aderisce anche l’Aeroporto Cristoforo Colombo
di Genova, il primo a collaborare con Flying Angels. Una
relazione di collaborazione che si è consolidata negli anni
anche attraverso iniziative che, dal 2017, hanno permesso di
raccogliere oltre 23mila euro. Anche nello scalo di Genova sarà
a disposizione una figura di riferimento in grado di fornire
assistenza ai piccoli passeggeri dei voli finanziati da Flying
Angels Foundation e ai loro accompagnatori, nel periodo di
transito all’interno dell’aerostazione. L’assistenza del
progetto ‘Angeli Custodi’, si aggiunge alle tutele previste dal
Regolamento comunitario dedicato ai diritti delle persone con
disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto
aereo. “Nel 2021 abbiamo aiutato complessivamente 229 bambini da 21
paesi del mondo. 55 di loro sono transitati in 7 aeroporti
italiani, per raggiungere le strutture ospedaliere in grado di
offrire loro cure salvavita. Viaggi estremamente complessi, sia
dal punto di vista emotivo che da quello pratico – spiega Mauro
Iguera, presidente di Flying Angels Foundation. – Per questo
abbiamo portato all’attenzione di Enac, di Assaeroporti e dei
gestori aeroportuali italiani l’esigenza di avere ‘angeli
custodi’ che potessero rendere il transito in aeroporto
un’esperienza più agevole e meno stressante per i piccoli e per
le loro famiglie”. Al progetto hanno aderito 28 aeroporti
associati a Assaeroporti e gli scali di Roma Fiumicino, Roma
Ciampino, Venezia, Treviso, Verona, Brescia associati a
Aeroporti 2030. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.