Covid: in Fvg 288 nuovi contagi, ricoveri intensive in calo

Pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 136
Pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 136
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 21 MAR - Oggi in Friuli Venezia Giulia su 1.531 tamponi molecolari sono stati rilevati 74 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 4,83%. Sono inoltre 1.950 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 214 casi (10,97%). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 4, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti risultano essere 136. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. La fascia più colpita è 40-49 anni (24,65%); oggi si registrano 2 decessi: un uomo di 91 anni di Pordenone (deceduto in ospedale) e uno di 72 anni di Trieste (ospedale). Il numero complessivo dei decessi è 4.866, di cui: 1.192 a Trieste, 2.313 a Udine, 924 a Pordenone e 437 a Gorizia. I totalmente guariti sono 297.743, i clinicamente guariti 130, mentre le persone in isolamento sono 20.386. Dall'inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive complessivamente 323.265 persone, di cui 70.358 a Trieste, 133.764 a Udine, 78.144 a Pordenone, 36.198 a Gorizia e 4.801 da fuori regione. Per quanto riguarda il Sistema sanitario regionale, sono state rilevate positività nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina; nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale; nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale. Non si registrano contagi nelle residenze per anziani. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nelle acque siciliane va in scena l'esercitazione della Nato Dynamic Manta

Polonia, gli agricoltori protestano a Varsavia: "Uscire dal Green Deal dell'Ue"

Ucraina, Russia: conflitto "inevitabile" con la Nato se invia truppe, Roma e Berlino frenano