Ad Aosta studenti davanti a tribunale in ricordo vittime mafie

Libera, abbiamo il dovere di far fiorire la speranza
Libera, abbiamo il dovere di far fiorire la speranza
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AOSTA, 21 MAR - Un centinaio di studenti delle scuole superiori, insieme ai loro insegnanti, si sono ritrovati nei giardini Emilio Lussu di Aosta, di fronte al palazzo di giustizia, in occasione della 27/a giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera. "Il nostro territorio - ha detto Donatella Corti, referente di Libera Valle d'Aosta, prima che i ragazzi leggessero i nomi delle vittime innocenti delle mafie - deve essere nostro fa tutti i punti di vista, non solo ambientale ma anche culturale. La lotta alla mafia è una lotta di culture, di coscienze, ecco perché il tema della manifestazione 'Terra mia coltura/cultura". Per questo "abbiamo la responsabilità di coltivare la memoria delle vittime di mafia e di far fiorire la speranza". "Spetta a voi ragazzi essere attenti e vigili, portatori di un messaggio sano di legalità", ha detto nel suo intervento il sostituto procuratore di Aosta Manlio D'Ambrosi. Alla procura di Aosta non spettano le indagini sulla criminalità organizzata (sono di competenza della procura distrettuale di Torino) "ma vigiliamo sui reati spia, un'attenzione che deve essere presente in tutti noi per evitare che queste condotte possano proliferare". "Chi pensa di individuare scorciatoie nella macchina amministrativa - ha sottolineato Luca Tonino, presidente del Consiglio comunale di Aosta -deve essere stoppato. La politica deve tenere alta l'attenzione nei confronti di questi fenomeni". Tra i presenti anche il questore di Aosta, Ivo Morelli. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco