EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina: duemila in corteo a Milano, 'no a tutte le guerre'

Anche Segio e Cusani con studenti e sinistra radicale
Anche Segio e Cusani con studenti e sinistra radicale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 19 MAR - "Pace, disarmo e futuro". Sono queste alcune delle parole chiave della manifestazione per dire "no a tutte le guerre", in Ucraina e in tutto il mondo , e "no alla Nato" , in corso a Milano voluta da centri sociali, collettivi studenteschi, sinistra radicale, Rifondazione Comunista, Cobas, Verdi, Fiom e l'Flc Cgil, Emergency ed alcune sezioni dell'Anpi. Sono circa duemila le persone che, con striscioni e bandiere, stanno sfilando per le vie della città passando da Foro Buonaparte verso piazza della Scala. Il corteo è partito da poco da piazza Cairoli e dovrebbe terminare in corso Sempione, non molto lontano dell'Arco della Pace, dove alle 18 si terrà una manifestazione ufficiale organizzata dal Comune con il sindaco Beppe Sala. "No Putin No Nato uniti per la pace", si legge in un cartello nel corteo dove ci sono famiglie con bambini e anche alcuni volti noti come Sergio Segio e Sergio Cusani. "Non bisogna prendere parte al sistema della guerra che va, invece, combattuto. Prendere parte significa essere parte del sistema" , ha detto Segio. "È scandaloso questo aumento delle spese militari sia in Italia che in Europa - ha aggiunto l'ex Prima Linea -. Se si vuole trovare una soluzione alla guerra bisogna ricorrere alla diplomazia e non al riarmo. Le guerre le decidono sempre i potenti e le pagano i poveri ". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen