EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Caro carburante:agricoltori,blocco porti non più tollerabile

"Protesta ora non giusta, non possiamo fare guerra fra sardi"
"Protesta ora non giusta, non possiamo fare guerra fra sardi"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 19 MAR - Al sesto giorno di disagi nei porti della Sardegna per la protesta degli autotrasportatori, ora a ribellarsi sono gli agricoltori, che si ritrovano con tonnellate di prodotti invenduti e destinati al macero. "Questa protesta non è più giusta come era all'origine. È diventata la sopraffazione di una minoranza che come agricoltori sardi non possiamo tollerare oltre", spiega all'ANSA Francesco Terzitta, produttore agricolo di Valledoria, che parla a nome di un folto gruppo di agricoltori del nord Sardegna. "Nella filiera del fresco si era giunti a un accordo coi prefetti sul fatto che non avesse senso, anche ai fini del successo della protesta, bloccare i movimenti delle derrate alimentari. Ancora oggi però una minoranza degli operatori del settore elude gli impegni assunti e nonostante gli interventi decisi ieri sera dal Governo". A Terzitta il blocco delle merci nei porti della Sardegna è costato circa 15mila euro, in solo quattro giorni. E oltre al danno economico c'è il danno di immagine e la perdita di affidabilità della clientela: "In questo momento a pagare, ingiustamente, ancora di più dei trasportatori, gli effetti di questa condotta siamo noi agricoltori. Non possiamo farci la guerra fra sardi", continua. "La sensazione è che ormai questa battaglia che doveva essere comune, sia diventata una guerra fra autotrasportatori e non più solo una questione di caro carburanti. Il caso emblematico e preoccupante è l'attacco alla ditta di Massimo Lilliu, oggetto di intimidazioni, ritorsioni e minacce per il solo fatto di aver deciso di esercitare il suo diritto di lavorare, nell'interesse anche della collettività. L'incendio ieri notte di un suo mezzo ad Assemini e l'ostacolo agli imbarchi di diversi altri suoi mezzi, ancora stamattina a Olbia, ne sono prova inconfutabile". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"

Alta tensione tra Israele e Houthi: morti e feriti a Hodeida, abbattuto un missile dallo Yemen