This content is not available in your region

Fatture false, sequestro da 78 mln euro a società di Palermo

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Indagini Gdf su una "cartiera" priva di mezzi e dipendenti
Indagini Gdf su una "cartiera" priva di mezzi e dipendenti

(ANSA) – PALERMO, 16 MAR – I finanzieri del comando
provinciale di Palermo hanno dato esecuzione ad un decreto di
sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Palermo, su
richiesta della procura, per un valore complessivo di oltre 78
milioni di euro, alla società palermitana Runex che opera nel
settore del commercio all’ingrosso di metalli: avrebbe evaso
l’imposta sul reddito delle società e l’Iva. Le indagini, condotte dai finanzieri del nucleo di polizia
economico – finanziaria, sono scattate durante un controllo
fiscale nei confronti del Runex, la cui sede di via Imperatore
Federico è risultata un mero recapito per la corrispondenza.
L’impresa – risultata priva di mezzi, locali, attrezzature e
utenze e pur non avendo mai presentato dichiarazioni, versato
imposte, né avuto personale – avrebbe formalmente intrattenuto
transazioni commerciali per rilevanti importi, negli anni 2016 e
2017, con una società di capitali la Adn Martenk con sede a
Roma. I militari hanno eseguito perquisizioni e accertamenti
bancari finalizzati a ricostruire i rapporti
economico-commerciali tra le due società. Secondo quanto
accertato la società palermitana sarebbe stata una “cartiera”
che avrebbe emesso fatture per operazioni inesistenti nei
confronti della società romana che, a sua volta, avrebbe
rivenduto solo “sulla carta” la merce (Triossido di Molibdeno,
Bramme e Coils) oggetto di precedente fatturazione ad altre due
società con sede a Napoli e Milano, rispettivamente la Sifer srl
e la Ferkal. In questo modo sarebbero state generate fatture
false per oltre 312 milioni di euro, abbattendo in modo illecito
il reddito imponibile delle società destinatarie delle fatture
false, attraverso la contabilizzazione di costi fittizi nonché
l’indebita detrazione dell’Iva. I sei rappresentanti legali
delle società coinvolte sarebbero indagati per dichiarazione
fraudolenta mediante utilizzo di fatture per operazioni
inesistenti, omessa dichiarazione, emissione di fatture per
operazioni inesistenti e occultamento o distruzione di documenti
contabili. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.