This content is not available in your region

Sindaco Guidonia,'nuove norme,strada a madre Milite Ignoto'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Sarà rivisto il regolamento, fine alle polemiche'
'Sarà rivisto il regolamento, fine alle polemiche'

(ANSA) – ROMA, 15 MAR – “Rivedremo il regolamento e in futuro
la madre simbolica del Milite ignoto, Maria Bergamas, avrà una
strada”. Il sindaco di Guidonia Michele Barbet (M5s) mette fine così alle polemiche sollevate
dal veto posto dal Comune all’intitolazione di una strada alla
madre del Milite Ignoto perchè le norme toponomastiche
dell’amministrazione sono “stringenti sui personaggi che hanno
“E’ stata una polemica sterile, io sono rimasto molto deluso è
dispiaciuto anche perché parte tutto da un concorso organizzato
dall’amministrazione rivolto alle scuole. Dal 25 novembre,
durante la settimana contro la violenza sulle donne, abbiamo
chiesto ai ragazzi di andare alla ricercare di una figura
femminile che nel tempo era stata ‘cancellata’. E loro hanno
scelto Maria Bergamas”, spiega.
Ma poi l’intitolazione è stata bloccata: “La commissione
toponomastica del comune si è poi espressa” in quel modo “per
colpa di un regolamento interno molto stringente sui personaggi
che hanno sostenuto il ventennio fascista – ha spiegato il
sindaco -. È un regolamento molto stringente – ha ribadito – che
non prende in considerazione le storie delle persone che
vivevano quell’epoca. Su figure come la Bergamas, ma anche per
altre, sarebbe opportuno che il regolamento andasse a rivedere o
a indicare il ruolo che avevano”. “Sarà appunto rivisto il
regolamento – ha proseguito Barbet -. Probabilmente in futuro
anche Maria Bergamas avrà un luogo intitolato. Sto cercando di
attenuare un po’ di polemiche perché non è giusto nei confronti
dei ragazzi che hanno fatto una lavoro grandissimo, oggi
offuscato da questa polemica”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.