Clochard trovato morto al Divino Amore, è il nono a Roma

Perquisizione cc dopo telefonata anonima,segnalava presenza armi
Perquisizione cc dopo telefonata anonima,segnalava presenza armi
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 12 MAR - Un clochard è stato trovato morto stamattina intorno alle 9 nei Giardini della Casa del Pellegrino, nel complesso del Santuario della Madonna del Divino Amore all'estrema periferia di Roma. L'uomo, circa 50 anni e di origine africana, senza fissa dimora era privo di documenti. Sono intervenuti i Carabinieri di Pomezia e non hanno riscontrato alcun segno di violenza sul corpo. Avrebbe passato la notte all'aperto bevendo alcolici. A causarne la morte, forse per arresto cardiaco, con ogni probabilità il forte freddo. La salma è stata messa a disposizione per eventuali controlli dall'autorità giudiziaria. E' il quarto clochard morto per freddo e stenti negli ultimi giorni a Roma e il nono dall'inizio dell'anno. "Siamo di fronte ad una strage causata dal drastico abbassamento delle temperature e da risposte di accoglienza ancora largamente insufficienti. In pochi mesi sono notevolmente cresciuti i posti letto per i senza dimora nella Capitale preposti dal Comune ma servono soluzioni strutturali e di lungo periodo. Intanto però serve fare il possibile per fermare questa strage. Torniamo a chiedere all'Assessora al Sociale Barbara Funari di aprire immediatamente le stazioni della metropolitana, allestire delle tensostrutture riscaldate o altri straordinari interventi per evitare altre morti", commenta l'associazione Nonna Roma. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, Hrw: Israele non sta rispettando la sentenza della Corte dell'Onu sugli aiuti umanitari

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Mattino

Migranti: anniversario strage di Cutro, i parenti delle vittime denunceranno il governo italiano