This content is not available in your region

Ucraina: parroco Puglia tornato in Italia con 46 profughi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Da Leopoli salvati disabili e mamma con bambini, anche neonata
Da Leopoli salvati disabili e mamma con bambini, anche neonata

(ANSA) – BARI, 11 MAR – E’ arrivato in Italia all’alba il bus
di ritorno dall’Ucraina con a bordo don Gino Samarelli, parroco
del duomo di Molfetta, nel Barese, e 46 profughi fuggiti dalla
guerra, tra i quali disabili e mamme con bambini, la più piccola
di 9 mesi, e anche tre cagnolini. Don Gino è partito da Molfetta
martedì sera ed è ripartito dalla frontiera ungherese ieri sera.
Oggi è il compleanno di una delle donne ucraine salvate da don
Gino, “37 anni per fuggire e non morire” dice. A bordo “è
bastato dire ‘auguri’ per ricevere in cambio un fiume di parole
- racconta all’ANSA il parroco, mentre il bus sta attraversando
l’Italia verso Sud – . Moglie di un italiano, mi ha raccontato
di aver temuto più la ferocia dei delinquenti fuggiti dalle
carceri che la violenza delle bombe. I primi, deliberatamente
armati dai russi hanno saccheggiato volontariamente senza pietà
case e negozi; le seconde, deliberatamente sganciate dai russi
hanno obbedito ciecamente agli ordini”. Con la luce dell’alba nel bus “il chiacchiericcio comincia a
farsi sentire rendendo quasi turistico il viaggio che stiamo
facendo – dice don Gino – . Queste sono le cose belle della
vita: la risata al funerale, il pianto al matrimonio e la pace
alla guerra”. “Uno dei volti che mi resteranno impressi nel
cuore, dopo questo viaggio – racconta – , è il sorriso della
soldatessa ragazza, armata di tutto punto, che con tenerezza
d’innamorata, guardava la mia interprete e me che cercavamo di
spiegare la necessità di entrare nell’atrio proibito a
raccogliere il nostro gruppo”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.