Caro carburante: a Nuoro alcune stazioni di servizio a secco

Sindaco, nessun rischio approvvigionamento beni e carburante.
Sindaco, nessun rischio approvvigionamento beni e carburante.
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 11 MAR - La città di Nuoro si è svegliata anche stamattina con le file della auto ai distributori di carburante, dopo la psicosi provocata da un messaggio vocale nel quale si preannunciava il blocco al oltranza dei tir nell'Isola. Alcuni impianti sono rimasti a secco ma si vedono già nuove code in alcune stazioni di servizio. "Non c'è nessun problema di approvvigionamento della materia prima - spiega all'ANSA Salvatore Sanna gestore del distributore Eni di via Trieste - solo qualche attività è rimasta senza carburante ma magari per un problema nella gestione dei nuovi ordini. L'assalto c'è stato avantieri e ieri e sul finire della serata siamo rimasti al secco, ma abbiamo sempre ricaricato i nostri impianti. Il guaio è che la psicosi non accenna a diminuire, anche oggi in alcuni momenti ci sono lunghe code. Posso dire che in 50 anni di attività della mia famiglia e in 30 da quando lavoro qui, non ho mai visto un assalto di questo tipo ai distributori". Una situazione che ha portato il sindaco di Nuoro Andrea Soddu a un appello su Facebbok nel quale invita alla calma i suoi cittadini che oltre ai distributori hanno preso d'assalto anche i supermercati: "Vorrei rassicurare i cittadini informandoli che al momento non c'è alcun rischio di approvvigionamento per quanto riguarda il rifornimento di beni di prima necessità e i carburanti - scrive il primo cittadino - La notizia circolata ieri sulle chat è destituita di ogni fondamento, il rischio sussiste solamente se continua questo assalto al supermarket. Al momento lo sciopero sarà di un giorno e sicuramente non in grado di mettere a rischio l'approvvigionamento dei beni. E' importante informarsi dalle fonti ufficiali e, in caso di dubbio, evitare di diffondere messaggi non verificati" conclude Soddu. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: il punto sugli aiuti a Gaza, Chico Forti torna in Italia

Ue chiede indagine su strage di civili in fila per il pane a Gaza, Hamas: 7 ostaggi morti nei raid

Ue, 150 milioni di euro a Unrwa: continuano indagini sui presunti legami tra l'agenzia Onu e Hamas