This content is not available in your region

Mafia:giornate d'impegno Trieste, esposta auto scorta Capaci

Access to the comments Commenti
Di ANSA
La vettura Quarto Savona Quindici
La vettura Quarto Savona Quindici

(ANSA) – TRIESTE, 10 MAR – Cronache di mafia. Tre giornate
dedicate all’impegno civile e alle lotte al fenomeno mafioso.
Sono quelle organizzate a Trieste dal 14 al 16 marzo al Teatro
Miela nel cui piazzale sarà esposto ciò che resta dell’auto
‘Quarto Savona 15′, la vettura che scortava Giovanni Falcone a
Capaci. L’obiettivo della mostra è raccontare la storia di chi
viaggiava su quell’auto, i ragazzi della “Quarto Savona 15″
(nome in codice della scorta) e la storia di un viaggio, quello
della Croma blindata che il 23 maggio 1992, all’altezza del
chilometro 5 dell’autostrada Palermo-Mazara del Vallo, fu
investita dalla deflagrazione del tritolo e trovata nel tardo
pomeriggio, distrutta, in un uliveto a centinaia di metri di
distanza dal luogo dell’attentato. In quell’auto persero la vita gli agenti Antonio Montinaro,
Vito Schifani e Rocco Dicillo che scortavano Giovanni Falcone e
la moglie Francesca Morvillo, che a loro volta morirono per la
deflagrazione di 500 chili di tritolo nascosti in un canale di
scolo nei pressi di Capaci e fatti esplodere dal mafioso
Giovanni Brusca. “La ‘Quarto Savona 15′ è “un monito perenne per non
dimenticare la strage di Capaci e tutte le vittime innocenti
delle mafie”, dice Enzo D’Antona, giornalista che si è occupato
di mafia e presidente del Teatro Miela. La rassegna prevede spettacoli e presentazioni di libri con,
tra gli altri, Franco La Torre (figlio di Pio), i giornalisti
Attilio Bolzoni ed Enrico Bellavia e Tina Montinaro (moglie di
Antonio Montinaro, capo della scorta di Giovanni Falcone).
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.