EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Balneari: bar del Poetto di Cagliari chiusi per protesta

Delegazione sarda a Roma, "il Governo deve tutelarci"
Delegazione sarda a Roma, "il Governo deve tutelarci"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 10 MAR - Poetto di Cagliari in versione lockdown, ma il Covid questa volta non c'entra niente: i baretti in riva al mare sono chiusi per protesta, in concomitanza con la manifestazione nazionale a Roma. "Oggi chiudiamo contro l'esproprio delle nostre attività", si legge in un manifesto davanti alle Palmette, uno dei chioschi più frequentati del Poetto. Molti i gestori dei baretti che stanno partecipando alla manifestazione in piazza Santi Apostoli. Dal 2024 le concessioni balneari andranno a bando - queste le ragioni della mobilitazione - e le nuove regole non danno certezze per il futuro delle attività. "Siamo con loro - spiegano in spiaggia due abituali clienti - perché questa situazione rischia di portare via il lavoro a tutti i concessionari che in questi anni hanno investito decine di migliaia di euro. Senza bar e senza servizi il Poetto è più triste. E oggi c'è anche meno gente del solito". È il primo sciopero della storia dei baretti di Cagliari: 17 titolari dei chioschi che hanno deciso di protestare tutti insieme. C'è anche il rischio che le decisioni del governo possano ora far aumentare i prezzi dei servizi: dagli apertivi ai lettini per prendere il sole. Di mezzo c'è anche un indennizzo fantasma sparito durante la contrattazione. "Una buona parte della politica sembra sorda - racconta da Roma Alessandro Murgia dell'Emerson - soprattutto dopo quello che abbiamo sopportato in questi ultimi anni. Abbiamo creato un lavoro anche da cinquant'anni. Io lo faccio da 35 anni: non possiamo cambiare lavoro da un giorno all'altro. il governo deve tutelare queste attività". Rincara la dose Luciano Spiga dell'Oasi: "Siamo in migliaia a Roma - spiega - anche tantissime persone dal Sassarese, da Oristano, Alghero. È un ottimo segnale: in una giornata bella come questa avremmo lavorato alla stragrande. E invece siamo qui a combattere: è giusto che chi frequenta le attività balneari sappia che cosa sta succedendo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentato a Donald Trump: le reazioni della politica internazionale

Attacco al campo di al-Mawasi, Netanyahu: "Non c'è certezza su morte di Deif"

Stati Uniti: Donald Trump ferito durante un attentato in Pennsylvania, ucciso l'aggressore