EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Strangolò la moglie ad Alghero, Cassazione conferma 30 anni

Marcello Tilloca confessò ma non si è mai pentito
Marcello Tilloca confessò ma non si è mai pentito
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ALGHERO, 09 MAR - La Cassazione ha oggi rigettato totalmente il ricorso presentato dai legali di Marcello Tilloca contro la condanna a 30 anni di carcere inflittagli per l'uccisione della moglie, Michela Fiori, di 40 anni, strangolata il 23 dicembre 2018 nel letto di casa, ad Alghero, dove fino a qualche mese prima la coppia, in procinto di separarsi, viveva insieme ai due figli. I giudici della prima sezione della Suprema Corte hanno così accolto l'opposizione del procuratore e delle parti civili, ossia i familiari della vittima e l'associazione Rete delle Donne. L'uxoricida dovrà anche pagare le spese processuali e risarcire le spese di rappresentanza e difesa sostenute dalle parti civili. Per il delitto, il 46enne di Alghero era stato condannato nel 2019 con rito abbreviato dal gup del Tribunale di Sassari a 30 anni di reclusione, condanna poi confermata dalla Corte d'appello di Cagliari, sezione distaccata di Sassari, nel novembre 2020. L'uomo aveva ammesso le sue colpe ma non si è mai dichiarato pentito. I due figli della coppia, entrambi minorenni, erano stati affidati da subito alla nonna materna che vive a Genova. Poco prima dell'omicidio la vittima aveva chiesto aiuto a un centro anti-violenza. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni

Iran in lutto per la morte di Raisi: migliaia di cittadini piangono il Presidente

49 dipendenti dei Musei contro il Vaticano per le condizioni di lavoro