Anziano pestato e ucciso:i fermati cercavano soldi per droga

Oristano, sequestrati indumenti nella loro casa
Oristano, sequestrati indumenti nella loro casa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ORISTANO, 09 MAR - Erano alla ricerca di denaro anche per comprare droga, Rubens e Bryan Carta, rispettivamente di 31 e 27 anni, i due fratelli fermati con l'accusa di omicidio volontario per aver ucciso Tonino Porcu, il 78enne allevatore in pensione pestato a sangue nella sua abitazione a Ghilarza, in provincia di Oristano, nella notte tra il 21 e il 22 febbraio scorsi. È uno degli elementi emersi in queste ore dopo la svolta di ieri sera con il fermo dei due. Gli inquirenti non lasciano trapelare nulla, ma ad inchiodare i Carta ci sarebbe più di un elemento. Gli specialisti del Ris, infatti, hanno trovato all'interno della casa della vittima impronte e numerose tracce, anche biologiche, riconducibili ai fratelli. Non solo. I carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale e i colleghi della Stazione di Ghilarza ieri hanno perquisito l'abitazione in cui vivono i due fermati - il più grande è un operaio edile, il più piccolo lavora come operatore socio sanitario - sequestrando alcuni indumenti, forse gli stessi che indossavano il giorno dell'omicidio. I militari stanno lavorando anche su altri episodi criminosi che i due potrebbero aver commesso prima della rapina finita nel sangue. Non si può escludere che a ottobre dello scorso anno siano stati proprio loro ad entrare nell'abitazione al numero 39 di via Regina Elena, dove prima viveva Tonino Porcu, per mettere a segno un furto e poi cancellare le tracce appiccando un incendio. Ieri davanti al pm di Oristano Marco De Crescenzo e agli investigatori dei carabinieri, Rubens Carta, difeso dall'avvocato Angelo Battista Mario Marras, avrebbe ammesso le proprie responsabilità. Bryan, rappresentato dagli avvocati Fabio Messina e Salvatore Cappai, si è invece avvalso della facoltà di non rispondere. L'udienza di convalida del fermo non è ancora stata fissata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'attività russa ad Adiivka "è rallentata drasticamente" dopo la conquista della città

Grecia, protesta degli agricoltori ad Atene: almeno duecento trattori

Londra, inizia l'ultima udienza per l'estradizione di Assange: negli Usa rischia 175 anni di carcere