Dipendente Poste colpito durante rapina a Perugia

Sparato colpo pistola in aria durante la fuga dei malviventi
Sparato colpo pistola in aria durante la fuga dei malviventi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 08 MAR - Il vice direttore dell'ufficio postale di Ponte Pattoli, alla periferia di Perugia, è stato colpito da un malvivente nel corso di una rapina compiuta da tre persone con abiti scuri e travisati con occhiali, mascherine e cappelli. In base alla ricostruzione dei carabinieri i rapinatori hanno minacciato i dipendenti con una pistola, presumibilmente a salve, facendosi consegnare circa 1.500 euro che erano nei cassetti. Uno dei tre ha percosso il vice direttore per farsi consegnare i soldi nella cassaforte temporizzata ma il tentativo non è andato a buon fine in quanto i malviventi, accortisi che era scattato l'allarme, sono fuggiti. Uscendo dai locali delle Poste - sempre in base a quanto accertato dagli investigatori -, uno dei tre autori della rapina ha esploso un colpo di pistola in aria a scopo intimidatorio, per poi allontanarsi, assieme ai complici, facendo perdere le loro tracce. Da una nota diffusa dal Comune di Perugia emerge che il vice direttore è stato colpito alla testa. Una donna sotto choc è stata inoltre assistita in ambulanza. Il sindaco Andrea Romizi e l'assessore alla sicurezza Luca Merli, a nome dell'intera Amministrazione comunale, hanno espresso "ferma condanna". Parlando, in una nota, di "gravissimo e preoccupante episodio, accaduto peraltro in pieno giorno ed alla presenza di tanti clienti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese