EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina, in partenza convoglio farmaci da Interporto Avezzano

Operazione di Cri e Pc nazionali. "Grazie generosità da Italia"
Operazione di Cri e Pc nazionali. "Grazie generosità da Italia"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AVEZZANO, 07 MAR - Interporto di Avezzano (L'Aquila) ancora centro di riferimento nazionale per lo smistamento di aiuti in Ucraina in operazioni di emergenza curate dalla Croce Rossa italiana: dopo la partenza, nei giorni scorsi, di due convogli per complessivi nove tir con beni di prima necessità, nel centro della Marsica personale della CRI, tra cui farmacisti, in collaborazione con la protezione civile nazionale, stanno lavorando allo stoccaggio di farmaci provenienti da tutta Italia, anche da aziende farmaceutiche. Le medicine vengono assemblate per tipologie e principi attivi in bancali, per poi essere caricate sui camion "al fine di uno smistamento mirato". Il convoglio dovrebbe partire nel giro di una settimana alla volta di uno dei confini con l'Ucraina, come anticipa il presidente regionale abruzzese della Croce Rossa Italiana Gabriele Perfetti. "Grazie alla generosità di tanti italiani, di farmacie e aziende farmaceutiche stiamo predisponendo un altro convoglio da inviare nell'Ucraina martoriata dalla guerra - spiega Perfetti - Continua senza sosta l'attività della Croce Rossa italiana, siamo pronti a qualsiasi emergenza. Cerchiamo di fare da spalla alla consorella ucraina e alle altre associazioni sul territorio per ogni tipo di emergenza ed esigenza". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"