EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucraina: primo giorno ricovero bimbi malati, molto provati

Iniziate le cure per i pazienti salvati dalla Regione Piemonte
Iniziate le cure per i pazienti salvati dalla Regione Piemonte
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 06 MAR - Primo giorno in ospedale per i tredici bambini oncologici ucraini che la Regione Piemonte ha prelevato ieri a Iasi, in Romania. Ricoverati all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino, "sono tutti molto provati per il viaggio e per l'interruzione a causa della guerra delle terapie", spiega la professoressa Franca Fagioli, direttore Dipartimento di Patologia e Cura del Bambino Regina Margherita e Direttore Oncoematologia pediatrica della Città della Salute di Torino. In particolare, cinque hanno una leucemia acuta, due hanno linfomi e sono in condizioni stabili, cinque presentano tumori soldi e due hanno tumori cerebrali. "Uno di loro è in intensiva - spiega la Fagioli - perché in condizioni generali particolarmente gravi". Per tutti, quella di oggi è stata la giornata della "presa in carico globale", per iniziare a curare le ferite oncologiche e quelle della guerra. Ad assisterli ci sono le madri e alcuni sono arrivati con i fratellini. "Sono cinque, abbiamo provveduto a loro con un ricovero sociale, ma è chiaro che dovremo trovare una soluzione anche per loro, dal momento che non possono ovviamente vivere in ospedale ma non devono neanche essere separati dalla madre". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 18 giugno - Mattino

Il segretario della Nato Stoltenberg incontra Biden alla Casa Bianca, colloquio su Ucraina e Difesa

La Grecia respinge le accuse di brutalità contro i migranti, inclusi i presunti abbandoni in mare