EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Libri scuola e orsacchiotto per fuga da Ucraina a Umbria

Ivanna arrivata ad Arrone con due figlie dopo viaggio due giorni
Ivanna arrivata ad Arrone con due figlie dopo viaggio due giorni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ARRONE (TERNI), 28 FEB - Un trolley con i libri di scuola, un orsacchiotto, una busta con qualche vestito di ricambio. E' tutto ciò che Ivanna, 31 anni, e le sue bimbe Vladyslava e Alina, cinque e sette anni, nella fretta della fuga dall'invasione russa sono riuscite a racimolare dalla loro casa di Ivano Frankivsk, nell'ovest dell'Ucraina. Tra i primi profughi giunti in Italia in pullman, da domenica, dopo un viaggio estenuante di quasi 48 ore, mamma e figlie sono ad Arrone, dove hanno raggiunto il compagno della donna, Volodymyr, e la madre di questi, Giulia. "Ma la speranza è di rimanere qui per poco. Vogliamo tornare a casa, alla nostra normalità" dice all'ANSA Ivanna, che fino a venerdì mattina lavorava come commessa in una macelleria della sua città. Quando le sirene antiaeree hanno iniziato a suonare e il titolare del negozio ha chiuso l'attività, in poche ore la giovane - che recentemente ha anche perso madre e padre per il Covid - è riuscita a salire su un mezzo diretto in Italia insieme alle bimbe. "Abbiamo dovuto aspettare ore prima di partire, nascosti nel pullman, nel mentre sentivamo il rumore dei missili intorno a noi" racconta ancora Ivanna. Poi altre 17 ore di attesa alla frontiera, prima di poter lasciare il Paese insieme a tante altre donne, bambini e anziani. Fino all'arrivo ad Arrone. Nella casa centro umbro, la tv è accesa 24 ore su 24 sul canale ucraino. Ora si attendono gli sviluppi dei negoziati. "Siamo stressati, agitati" dice Volodymyr. "La bambina più grande - continua - ha voluto portare con sé i libri perché dice che deve studiare e tornare a scuola, la più piccola mi chiede 'è vero che non mi abbandoni?'. E quando vede i carri armati alla tv e mi chiede perché bruciano, io gli dico che si sono rotti. Non vogliamo dirle tutto, cerchiamo di non farle capire". Nessuno in famiglia al momento lavora e ad Arrone è intanto partita una vera e propria gara di solidarietà per aiutare Ivanna e le sue figlie. "In qualche modo ce la faremo ad andare avanti" assicura Giulia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni

Iran in lutto per la morte di Raisi: migliaia di cittadini piangono il Presidente

49 dipendenti dei Musei contro il Vaticano per le condizioni di lavoro