Bolivia, manifestanti impediscono ricovero ex presidente

Jeanine Anez è in sciopero della fame dal 9 febbraio
Jeanine Anez è in sciopero della fame dal 9 febbraio
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LA PAZ, 18 FEB - Manifestanti che sostengono il governo in Bolivia hanno impedito il ricovero in ospedale, ordinato da un giudice, dell'ex presidente Jeanine Añez, incarcerata da marzo 2021 e in sciopero della fame dal 9 febbraio. Centinaia di sostenitori del partito presidenziale Movimento per il socialismo (MAS, di sinistra) hanno circondato la prigione dove si trova l'ex capo di Stato a La Paz, gridando "non uscirà!" e gridando "assassino !" e "30 anni di prigione!". L'ex presidente, 54 anni, che si considera una "prigioniera politica", doveva essere "assistita urgentemente" in un ospedale della capitale a causa del "peggioramento del suo stato di salute", secondo un'ordinanza del tribunale ma, di fronte alle proteste, il direttore del carcere ha informato il tribunale dell' "impossibilità materiale" di trasferire Jeanine Añez, e il giudice ha ordinato ai medici di entrare in carcere per curarla "anche contro la sua volontà". Gli oppositori di Anez si sono scontrati con la polizia quando hanno cercato di smantellare una tenda eretta dai sostenitori che ne sollecitavano il rilascio. Alla fine sono riusciti a dare fuoco al gazebo e i sostenitori dell'ex leader, compreso il suo legale, sono stati costretti a ritirarsi sotto il lancio di uova degli altri manifestanti. Jeanine Añez è accusata di aver guidato un "colpo di Stato" del novembre 2019 contro l'ex presidente di sinistra Evo Morales. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Kiev teme un tentativo di sfondamento più ampio nell'estate del 2024

Ungheria, ecco le norme sull'immigrazione più severe d'Europa

Repubblica Democratica del Congo: preoccupa l'inquinamento da estrazione petrolifera