EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Strage Bologna: Pg, Bellini killer protetto dai servizi

'Sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo'
'Sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 18 FEB - "Bellini, che noi riteniamo presente in stazione a Bologna il 2 agosto, è stato un killer di Avanguardia Nazionale. Un killer protetto dai servizi segreti, a partire dall'omicidio di Alceste Campanile (1975, ndr)". Lo ha detto il Pg Umberto Palma nel corso della sua requisitoria, cominciata mercoledì scorso e proseguita oggi, nell'ambito del nuovo processo sulla strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, che vede come principale imputato proprio Paolo Bellini, accusato di concorso nella strage. In aula, accanto ai Pg Palma e Nicola Proto, anche oggi è presente la procuratrice generale reggente di Bologna, Lucia Musti. Avanguardia Nazionale, ha spiegato Palma, "non può essere stata tenuta fuori dalla strage, non può essere resa estranea a questo attentato, che coagulava varie forze eversive". Per la Procura generale Avanguardia Nazionale rappresenta "l'anello di congiunzione tra il vertice finanziario-organizzativo della strage di Bologna", costituito dal binomio piduista Licio Gelli-Federico Umberto D'Amato, e "la figura di Paolo Bellini, che fu un militante operativo di Avanguardia Nazionale, quanto meno, nella metà degli anni settanta". Palma ha poi sottolineato il ruolo di Stefano Delle Chiaie, leader assoluto di Avanguardia, "e confidente di Federico Umberto D'Amato. Anzi - ha posto l'accento Palma - tra i due c'era una convergenza strategica, che va al di là del fenomeno del confidente. Ed era noto in ambienti politici e giornalistici che D'Amato manipolava Delle Chiaie". Palma è tornato poi a soffermarsi sulla figura di Sergio Picciafuoco, criminale legato all'estrema destra, presente in stazione la mattina della strage, affermando che "Picciafuoco è colpevole ma è un colpevole non punibile", in quanto già assolto in via definitiva dall'accusa di aver partecipato all'attentato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia: Erdogan allenta il disegno di legge contro i cani randagi, 4mila a rischio soppressione

Ondata di caldo estremo in Europa meridionale, da bollino rosso 14 città italiane

Stati Uniti, il presidente Joe Biden positivo al Covid-19: sintomi lievi e autoisolamento