Scuola: "di alternanza non si può morire", sit-in a Sassari

In Sardegna un presidio anche a Oristano
In Sardegna un presidio anche a Oristano
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SASSARI, 18 FEB - "Di scuola-lavoro non si può morire". Con questo slogan gli studenti sassaresi hanno alle manifestazioni nazionali che oggi in tutta Italia hanno svuotato le scuole e riempito le piazze per protestare contro l'alternanza scuola-lavoro, dopo gli incidenti a Lorenzo Parelli e Giuseppe Lenoci, due studenti morti nei giorni scorsi a Udine e Ancona durante i loro stage. Una protesta che si è svolta anche in piazza Eleonora a Oristano. A Sassari il Fronte della Gioventù comunista, tra i promotori della protesta, ha scelto l'emiciclo Garibaldi per manifestare il dissenso e reclamare una scuola migliore. La risposta degli studenti è stata tiepida, con poche decine di manifestanti a scandire slogan: "Diciamo no allo sfruttamento, al lavoro gratis, alla violenza delle forze dell'ordine contro gli studenti che manifestano pacificamente", declamano da un megafono, sotto l'occhio vigile di una ventina fra poliziotti, carabinieri e agenti della polizia locale. "Alternanza, repressione maturità. No alla scuola dei padroni", hanno scandito gli studenti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea

Clima, Grecia: sembra di stare su Marte, è Atene

Il ministro dell'Interno britannico in Italia: "Soluzioni innovative per fermare i migranti"