Bullismo: 28 studenti animatori nel team start-up 'Mabasta'

Movimento nato a Lecce contro prevaricazioni nelle scuole
Movimento nato a Lecce contro prevaricazioni nelle scuole
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LECCE, 15 FEB - Il movimento antibullismo 'Mabasta' potrà contare ora su 28 ragazze e ragazzi dai 14 ai 17 anni pronti ad andare nelle altre scuole a diffondere il metodo 'anti-bullismo' ideato dal giovane Mirko Cazzato, ventenne salentino che pochi mesi fa, proprio per il suo impegno nel sociale, è risultato fra i 10 studenti più impattanti al mondo, classificandosi nella Top 10 della prima edizione del Global Student Prize, il 'Nobel' degli studenti. I 28 'membri e animatori' del team sono tutti dell'Istituto tecnico economico "Galilei-Costa" di Lecce e "hanno studiato e superato nei giorni scorsi i test di ammissione - si legge in una nota - e oggi hanno iniziato il percorso di formazione che li porterà ad essere preparati e qualificati per entrare e interagire con le classi in tutta Italia". "Mabasta" è una start-up sociale ideata all'istituto 'Costa' sei anni fa, il 7 febbraio 2016, che prevede l'adozione di accorgimenti utili a isolare l'eventuale azione dei bulli. "Sono molto orgoglioso di questo nuovo team Mabasta - ha confessato Cazzato - queste ragazze e questi ragazzi sono molto carichi e motivati. La serietà con cui hanno studiato il materiale che ho messo a loro disposizione ed i risultati dei test hanno dimostrato quanto stiano approcciando questa nuova fase della loro vita sociale e scolastica con grinta e tanta voglia di fare". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, il Musée Grévin di Parigi rafforza la sicurezza per gli attivisti ambientali

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti

Guerra in Ucraina, Zelensky: "Lanceremo una nuova controffensiva"