EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Perugia in piazza contro Green pass con una ghigliottina

Il Fronte del dissenso ricorda il biologo Franco Trinca
Il Fronte del dissenso ricorda il biologo Franco Trinca
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PERUGIA, 12 FEB - No al Green pass e via "tutte le leggi liberticide", no all'obbligo vaccinale, no al governo Draghi, e infine il grido "diritto al lavoro". Con questi slogan i promotori del Fronte del dissenso Umbria sono tornati ancora a manifestare, a Perugia, soprattutto "in memoria di Franco Trinca", il biologo perugino no vax morto recentemente di Covid. I rappresentanti e simpatizzanti di Fronte del dissenso hanno manifestato insieme ai Movimenti di resistenza costituzionale e agli Studenti contro il Green pass, dopo che lo scorso 27 gennaio aveva suscitato molte polemiche un loro presidio realizzato in occasione della Giornata della memoria, con le divise dei deportati nei campi di concentramento stese a terra. Alla guida del corteo i manifestanti hanno messo oggi una ghigliottina, a simboleggiare - hanno spiegato - la "rivoluzione in atto". A prendere la parola è stato anche il figlio del biologo Trinca: "Lo spirito combattivo di mio padre - ha detto Alessandro - non è morto con lui. La libertà di scelta è un principio che non può essere mai messo in discussione". Il figlio di Trinca ha voluto anche precisare che il padre "non è mai stato maltrattato in ospedale". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: Joe Biden si ritira dalla corsa presidenziale, appoggio a Kamala Harris

Bangladesh: studenti non fermano la protesta, il governo estende il coprifuoco

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"