EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Agguato in piazza nell'agrigentino, killer ha sparato 15 colpi

L'assassino ha ferito anche i suoi genitori,indagini sul movente
L'assassino ha ferito anche i suoi genitori,indagini sul movente
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AGRIGENTO, 11 FEB - Angelo Incardona, il protagonista delle due sparatorie avvenute ieri a Palma di Montechiaro, ha sparato in tutto 15 colpi: tre o quattro sono stati esplosi a casa dei propri genitori: Giuseppe Incardona e Maria Ingiamo, rispettivamente di 65 e 60 anni, rimasti feriti di striscio. Tutti gli altri, quasi a raffica, li ha esplosi invece contro Lillo Saito di 65 anni, socio della "Gelati Gattopardo", seduto dentro la sua Chevrolet Captiva posteggiata in piazza Provenzani, a poca distanza dal palazzo Ducale di Palma di Montechiaro. Dopo il raid l'assassino sarebbe stato convinto dalla moglie a costituirsi ai carabinieri e a confessare, La salma di Saito ieri sera, è stata trasportata alla camera mortuaria dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Il procuratore capo Luigi Patronaggio e il sostituto Maria Barbara Cifalinò - che si stanno occupando del fascicolo d'inchiesta - hanno, infatti, già disposto l'autopsia. Il fascicolo d'inchiesta sull'omicidio e il duplice tentato omicidio resta, almeno per il momento, alla Procura di Agrigento. Incardona - già noto alle forze dell'ordine per tentato omicidio e porto abusivo e detenzione di armi - durante l'interrogatorio ha parlato di una faida legata a dinamiche interne ai "paracchi" di Palma di Montechiaro, un'organizzazione criminale paramafiosa. Dichiarazioni che verosimilmente sarebbero apparse, a inquirenti e investigatori, assai confuse e contraddittorie. Una storia, quella raccontata da Incardona, ancora dunque tutta da verificare e decifrare. Se dovesse essere confermata la matrice mafiosa dell'agguato l'inchiesta potrebbe essere trasmessa alla Dda di Palermo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Pomeridiane

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto