EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Giorno Ricordo: Pavia intitola via a Norma Cossetto

Studentessa italiana in Istria uccisa dai partigiani jugoslavi
Studentessa italiana in Istria uccisa dai partigiani jugoslavi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PAVIA, 10 FEB - In occasione del Giorno del Ricordo, il Comune di Pavia ha intitolato oggi (su proposta della consigliera Paola Chiesa, di Fratelli d'Italia, insieme ai gruppi di maggioranza) una via della città a Norma Cossetto, studentessa italiana di un villaggio nel comune di Visignano in Istria, uccisa dai partigiani jugoslavi vicino alla foiba di Villa Surani. "Con questo gesto ricordiamo una giovane donna, italiana, istriana, martoriata, violentata e gettata in una foiba", ha sottolineato l'assessore Barbara Longo. Alla cerimonia è intervenuto il sindaco Mario Fabrizio Fracassi, che ha poi partecipato anche all'incontro svoltosi alla Prefettura di Pavia. "Ricordare - ha sottolineato il sindaco - è un' attività che dobbiamo alle giovani generazioni, a noi stessi e non di meno a chi quel dramma lo visse direttamente, portando tuttora su di sè, se sopravvissuto, le cicatrici indelebili della sofferenza". "Tali vicende - ha aggiunto il prefetto Paola Mannella -, nonostante il passare inesorabile del tempo, rappresentano, ancora oggi, una ferita aperta per il nostro Paese, e conoscerle e comprenderle è fondamentale, per combattere l'intolleranza, i pregiudizi razziali, l'indifferenza, il disinteresse, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi". Durante l'incontro, che è stato accompagnato da brani musicali suonati dal "Quartetto d'archi" del Conservatorio Vittadini di Pavia e dalla lettura di poesie da parte degli alunni componenti il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" della scuola secondaria di primo grado dell'Istituto Comprensivo di Siziano (Pavia), la signora Gianna Palin ha raccontato la vicenda della sua fuga da Pola verso Pavia insieme ai suoi genitori, nel marzo del 1947. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Euro 2024: la Spagna sulla vetta d'Europa, Inghilterra ancora all'asciutto

Stati Uniti, l'attentato contro Trump è un assist politico all'ex presidente?

Israele, al volante di un'auto investe e ferisce quattro militari dell'Idf