This content is not available in your region

Mostre: Palazzo Ducale Genova, 75 mila in 5 mesi per Escher

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Grande successo per le opere del genio dei mondi impossibili
Grande successo per le opere del genio dei mondi impossibili

(ANSA) – GENOVA, 06 FEB – Grande successo per la mostra di
Escher a Palazzo Ducale di Genova visitata, solo oggi, da 1.250
le persone. Aperta lo scorso 8 settembre, la mostra dedicata al
grande genio olandese Maurits Cornelis Escher, uno degli artisti
più amati a livello globale e i cui mondi impossibili sono
entrati nell’immaginario collettivo rendendolo una vera icona
del mondo dell’arte moderna, è stata visitata dalla sua apertura
da circa 76 mila persone, circa 15 mila persone al mese.
Promossa e organizzata dal Palazzo Ducale Fondazione per la
Cultura, Comune di Genova, Regione Liguria e Arthemisia, in
collaborazione con M. C. Escher Foundation, la mostra è curata
da Mark Veldhuysen, ceo della M.C. Escher Company, e Federico
Giudiceandrea, uno dei più importanti esperti di Escher al
mondo. Con oltre 200 opere e i suoi lavori più rappresentativi come
Mano con sfera riflettente (1935), Vincolo d’unione (1956),
Metamorfosi II (1939), Giorno e notte (1938) e la serie degli
Emblemata, la mostra presenta in 8 sezioni un excursus della sua
intera e ampia produzione artistica. Aperta fino al 20 febbraio, la mostra Escher, tra arte,
matematica, scienza, fisica, natura e design, è un evento unico
“per conoscere – scrive palazzo Ducale – da vicino un artista
inquieto, riservato ma indubbiamente geniale e per misurarsi
attivamente con i tantissimi paradossi prospettici, geometrici e
compositivi che stanno alla base delle sue opere e che ancora
oggi continuano a ispirare generazioni di nuovi artisti in ogni
campo”. Le visita alla mostra sono sempre state garantite dal
distanziamento interpersonale e dal controllo greenpass, secondo
le norme stabilite. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.