Bracconiere abbatte esemplare di Avocetta, denunciato

Lungo il fiume Po a Colorno nel Parmense
Lungo il fiume Po a Colorno nel Parmense
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 29 GEN - Stava cacciando anatre a Mezzano Rondani, lungo il fiume Po, nel Parmense, quando un esemplare di Avocetta - volatile della famiglia dei Recurvirostridi dall'aspetto molto caratteristico con il becco ricurvo verso l'alto, zampe e collo molto lunghi, livrea bianca e nera - gli si è posato a pochi metri: nonostante l'animale faccia parte di una specie protetta ha fatto fuoco uccidendolo. Protagonista della vicenda un cacciatore, individuato dai Carabinieri Forestali della stazione di Colorno - in servizio di vigilanza antibracconaggio - e denunciato all'Autorità giudiziaria. I militari hanno sequestrato l'esemplare protetto, il fucile e le munizioni. L'Avocetta è una rara specie legata alle zone umide, generalmente migratrice, durante l'inverno quando raggiunge le zone di svernamento del Mediterraneo e dell'Africa. L'Italia conta su poco più di 2500 coppie nidificanti, di questa specie, su tutto il territorio nazionale. L'abbattimento dell'Avocetta, a quanto appreso, non sembra motivato da finalità alimentari pare, invece, che possa essere, vista l'eleganza, la rarità e la livrea, oggetto di interesse per essere imbalsamata. I Carabinieri Forestali stanno indagando sul mercato clandestino della conservazione di animali morti cui l'esemplare probabilmente era destinato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"

Parigi: riapre la Torre Eiffel, accordo tra sindacati e direzione

Zelensky: "Dall'inizio della guerra morti 31mila soldati ucraini"