This content is not available in your region

Donne in fuga dall'Afghanistan, perché davano fastidio ai talebani

Access to the comments Commenti
Di Julian GOMEZ
euronews_icons_loading
Hasina Haidari, rifugiata afghana, ex giudice
Hasina Haidari, rifugiata afghana, ex giudice   -   Diritti d'autore  Euronews

Circa 850 donne e le loro famiglie hanno trovato un rifugio temporaneo ad Atene, in Grecia, dopo essere fuggite dall'Afghanistan, dove la loro vita era in pericolo. La maggior parte sono politiche, giudici, giornaliste o attiviste per i diritti civili. Per la maggior parte di loro, la Grecia sarà solo un Paese di transito

Hasina Haidari, suo marito e i loro due figli sono arrivati in Grecia a ottobre. Era una delle 1.300 donne giudice in Afghanistan. Poi, nell'agosto 2021, i talebani sono saliti di forza al potere.

"Quando hanno preso Kabul, il loro primo passo è stato quello di liberare tutti i criminali dalle prigioni", racconta la donna ai nostri microfoni. "I criminali che avevo condannato all'epoca per cause penali e altri casi. E volevano vendicarsi. Uccidere me o i miei figli, o rapirli. Per questo non potevo uscire di casa".

Uno spazio sicuro

Hasina è una delle donne afghane e delle loro famiglie che da settembre hanno trovato rifugio temporaneo in questo centro associativo femminile di Atene. La maggior parte sono giudici, giornaliste, politiche o attiviste di diritti civili. Diverse iniziative hanno aiutato a evacuarle dal Paese e ora pagano loro l'alloggio e coprono le loro necessità di base. Il centro fornisce loro consulenza legale, lezioni, supporto psicologico, networking comunitario e interazione sociale.

"L'idea di fondo era quella di poter fornire loro uno spazio sicuro, perché possano riprendere il lavoro che hanno svolto per così tanto tempo in Afghanistan", spiega Nadina Christopolou, direttrice e cofondatrice della Rete Melissa. "Per evitare anche la frammentazione che la diaspora comporta".

"La Grecia non ha dimenticato il suo approccio umanitario"

Negli ultimi mesi la Grecia ha costantemente aumentato la sicurezza e la sorveglianza ai suoi confini marittimi e terrestri con la Turchia, principali vie d'ingresso per la maggior parte dei migranti afghani. Un approccio difeso dal governo greco.

"Negli ultimi due, due anni e mezzo, la Grecia ha seguito una politica migratoria rigorosa, dal nostro punto di vista, equa", dichiara Patrokolos Georgiadis, segretario generale della politica di migrazione greca. "In questo senso, possiamo aver inasprito le regole, naturalmente nel quadro delle direttive e dei regolamenti dell'Unione europea. Questo non significa che la Grecia, abbia dimenticato il suo approccio umanitario".

Alcune di queste donne hanno già ricevuto proposte di asilo dal Canada e dalla Spagna.