Vulcano: nuova ordinanza sindaco su controllo emissione gas

Quattro postazioni per monitoraggio, Comitato chiede incontro
Quattro postazioni per monitoraggio, Comitato chiede incontro
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VULCANO, 23 GEN - A Vulcano, nelle Eolie, per l'emergenza gas è in arrivo una nuova ordinanza del sindaco Marco Giorgianni. Scatterà da domani, considerato che l'ultima scade oggi. Si prospetta una mini proroga, in attesa dell'insediamento della commissione che nominerà il Commissario Musumeci, anche se i tempi potrebbero preannunciarsi lunghi, per l'impegno del governatore nella elezione del Presidente della Repubblica. Attualmente nell'isola si lavora sul protocollo relativo ai controlli legati all'emissione di gas dal vulcano, in un secondo momento si valuteranno le azioni da intraprendere. Nel frattempo si stanno individuando le quattro postazioni dei laboratori dell'Arpa e dell'Ispra per la trasmissione immediata dei dati online. Saranno posizionate vicino ai cottage Altavilla, di fronte al cratere in modo da registrare "l'attività" del vulcano, nella zona dei fanghi termali, e in altre due aree dell'isola. Intanto a Vulcano si è registrata un nuovo incontro del comitato spontaneo per la difesa dell'isola delle Eolie che si e' riunito in una assemblea pubblica al porto. I rappresentanti hanno chiesto un incontro con il sindaco Marco Giorgianni perché dicono "l'isola dovrà tornare a vivere e il primo passo dovrà essere quello di riaprirla anche ai turisti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La polizia carica gli studenti a Pisa e Firenze: 5mila in piazza contro la violenza degli agenti

Anniversario della guerra in Ucraina, von der Leyen vola a Kiev. Presente anche Meloni per il G7

Ungheria, fiducia ritrovata nella Svezia: incontro a Budapest tra Orbán e Kristersson