euronews_icons_loading
Perù, tutti al lavoro per salvare gli animali

Volontari, ambientalisti, autorità e dipendenti dello zoo di Lima si sono uniti per salvare e curare gli animali sulle spiagge della capitale del Perù, colpite da una terribile fuoriuscita di petrolio all'inizio di questa settimana.

La fuoriuscita nell'Oceano Pacifico di 6.000 barili di petrolio - un vero e proprio "ecocidio" - è attribuita a un'ondata causata dall'eruzione di un vulcano sottomarino vicino a Tonga, che ha fatto rovesciare una petroliera della multinazionale petrolifera spagnola Repsol, mentre scaricava il suo carico di combustibile nella raffineria di La Pampilla.

Il Perù ha dichiarato emergenza ambientale.

A Cavero Beach, una delle prime spiagge colpite dall'inquinamento, i volontari hanno raccolto decine carcasse di animali morti e hanno aiutato altri animali, vivi ma intrappolati, a liberarsi dal petrolio.

Il Servizio Nazionale Forestale e Faunistico del Perù ha fatto sapere di aver recuperato 51 uccelli di diverse specie dalle spiagge di Ancón, Ventanilla e Chancay. 
Tra gli animali salvati, sei sono pinguini di Humboldt, considerati una specie vulnerabile, protetta dalle leggi peruviane e cilene. 
Decine di gru, cormorani e gabbiani fanno parte degli animali "soccorso" dai tecnici specializzati.

Lo zoo di Lima, noto come il "Parco delle Leggende", ospiterà numerosi degli animali recuperati in questi giorni.