Sit-in no vax a Roma: promotori, piazza S.Giovanni strapiena

Senza mascherine, contro regime sanitario. Attacchi a Draghi
Senza mascherine, contro regime sanitario. Attacchi a Draghi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 15 GEN - "Quando i sindacati riempiono questa piazza date determinati numeri. Abbiamo riempito la piazza". E' quanto afferma, Angelo Di Stefano, uno degli organizzatori del sit-in no vax in piazza San Giovanni a Roma, presidente delle Partite Iva. "Basta che dite 'la piazza storica della sinistra e dei sindacati è tutta piena di persone che chiedono la fine di questo regime sanitario'. La piazza è strapiena ed è quella dei concertoni. Questo è il dato che dovreste dare se non è manipolazione", aggiunge un altro organizzatore. Alla manifestazione dei no vax a San Giovanni, contro l'obbligo vaccinale, sono arrivate persone da tutta Italia. Genova, Rimini, Sicilia, tutti riuniti contro "la dittatura criminale del regime". Quasi tutti senza mascherina. Non solo over 50 ma anche molti giovani e famiglie con bambini. E infatti dal palco arriva 'l'inno alla salvaguardia' dei bambini: "Dove sono le mamme di Italia: difendiamo i nostri figli. Tutte le piazze di Italia non si pieghino al sistema liberticida. Giù le mani dai bambini". Dal palco in cui si alternano numerosi oratori arrivano anche attacchi a Draghi "Siamo l'unico paese nel mondo" con queste regole. "Stanno sperimentando il regime anticostituzionale. Draghi è il nemico pubblico numero uno e dobbiamo far saltare questo governo. Stanno preparando la guerra. Unione Europea di servi", dice uno. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 17 aprile - Pomeridiane

Crisi climatica: Dubai inondata da 142 mm di pioggia, 20 morti in Oman

Capri dimentica il glamour: inizia il G7 e l'isola si blinda