Green pass: in 500 a Cagliari contro provvedimenti Governo

Scritta "ebreo" appesa al collo, bandiere e coro "vergogna"
Scritta "ebreo" appesa al collo, bandiere e coro "vergogna"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 08 GEN - Poche mascherine, molte bandiere italiane, dei Quattro mori e della pace. E qualcuno con una scritta appesa al collo: "ebreo". Oltre 500 persone a Cagliari davanti al Consiglio regionale alla manifestazione contro gli ultimi provvedimenti anti Covid del governo. Un gruppo si è dato appuntamento nel piazzale della passeggiata del porto per i lavori in corso davanti al palazzo regionale. Altre 200 persone circa si sono ritrovate invece davanti al Comune per poi sfilare in via Roma: tra loro c'era anche chi indossava il cartello con la scritta "ebreo". "Ci vogliono segregare - questo uno dei primi interventi al megafono - ci sono persone che devono essere curate e non possono partire". Il tema della mobilità è stato toccato anche attraverso i cartelli di protesta appesi lungo via Roma: "Solinas non tacere, sardi sequestrati". Tra gli interventi anche quello in collegamento di Gian Luigi Paragone, leader di Ital Exit, e dell'europarlamentare Francesca Donato. In presenza, invece, il deputato sardo Pino Cabras. I manifestanti hanno parlato di disobbedienza civile. Un legale ha parlato di tamponi effettuati ai bambini: "Pronti a ricorrere in tutte le sedi". Durante la manifestazione anche una raccolta di firme contro la vaccinazione pediatrica. "Solidarietà- è stato detto al megafono- per le persone sospese dal lavoro". Cori "vergogna vergogna" e riferimenti a "regime totalitario e dittatura sanitaria". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue