Abusi su ragazza per 15 anni, patrigno condannato a Milano

10 anni e mezzo di carcere. Gup, mentalità arcaica e padronale'
10 anni e mezzo di carcere. Gup, mentalità arcaica e padronale'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 04 GEN - Un "vero 'padrone' portatore di una mentalità arcaica". Così il gup di Milano Guido Salvini definisce nella sentenza, che lo ha condannato a 10 anni e 6 mesi di reclusione, un 73enne imputato per violenza sessuale per terribili abusi, andati avanti per 15 anni tra il 2005 e il 2020, ai danni della figlia della sua convivente. L'avrebbe costretta anche a sottostare, tra il 2007 e il 2016, "a due matrimoni 'combinati'" con stranieri, che "in quel modo avrebbero ottenuto il permesso di soggiorno" versando all'uomo in un caso fino a 5mila euro. Tra l'altro, nelle motivazioni del verdetto, arrivato a seguito dell'inchiesta del pm Michela Bordieri, oltre a ricostruire il modo in cui l'uomo esercitava "una sorta di diritto di proprietà, di potestà dominicale, evidentemente per tenere sempre avvinta a sé" la ragazza, che nel 2005 aveva 22 anni, vengono ripercorsi pure altri abusi da lui commessi contro un'amica di famiglia tra il 2019 e il 2020. Inoltre, sempre dagli atti, risulta che il patrigno avrebbe violentato la figlia della compagna, come lei stessa ha messo a verbale, sin da quando aveva "12-13 anni". La ragazza, per i fatti precedenti, nel 2005 presentò anche denuncia, ma poi ritrattò per il timore che incuteva il patrigno e dovette pure patteggiare una pena per calunnia per quelle accuse ritirate. Nei 15 anni successivi le violenze agghiaccianti sono proseguite: dopo gli abusi, spiega il giudice, "aveva abortito in tre occasioni dando invece alla luce, in un'altra occasione" una figlia. Nell'estate di due anni fa la donna è riuscita a liberarsi da quel giogo: ha "deciso di lasciare l'abitazione familiare per andare a vivere" col fidanzato e la figlia. Ne è nata una lite col patrigno e sono intervenuti i carabinieri, che sono riusciti passo passo a ricostruire tutto ciò che era accaduto in quegli anni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi