Chiesa: vescovo di Mazara, no ai padrini fino al 2024

Mogavero, presenza formale che non accompagna percorso crescita
Mogavero, presenza formale che non accompagna percorso crescita
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MAZARA DEL VALLO, 02 GEN - Da ieri nel territorio della Diocesi di Mazara del Vallo è entrato in vigore il nuovo decreto del vescovo che dispone la sospensione "ad experimentum" dei padrini nella celebrazione del sacramento del battesimo dei bambini, della confermazione degli adolescenti e degli adulti e nel rito dell'iniziazione cristiana degli adulti. La sospensione è in vigore sino al dicembre 2024. Ad accompagnare davanti al presbitero chi deve ricevere il battesimo o la cresima saranno i genitori o chi ne ha curato la preparazione. "L'ufficio di padrino nei due sacramenti del battesimo e della confermazione ha perduto il suo significato originario - scrive il vescovo monsignor Domenico Mogavero nel decreto - limitandosi a una presenza liturgica puramente formale alla quale non segue l'accompagnamento del battezzato e del crismato nel cammino di crescita umana e spirituale". La scelta del Vescovo Mogavero non è isolata, perché già altre esperienze analoghe sono state avviate in alcune diocesi italiane. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente, la comunità internazionale e il G7 chiedono moderazione a Israele e all'Iran

Napoli: nave veloce da Capri urta contro la banchina, almeno 29 feriti

Le notizie del giorno | 19 aprile - Pomeridiane