EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Più sicurezza e stop mala movida, a Cagliari il Daspo urbano

Nuovo regolamento, individuate 24 zone a rischio in città
Nuovo regolamento, individuate 24 zone a rischio in città
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 30 DIC - Scuole, università, musei, aree e parchi archeologici, complessi monumentali o altri istituti e luoghi di cultura comunque interessati da consistenti flussi turistici. Il nuovo regolamento di polizia e di sicurezza urbana per ventiquattro aree di Cagliari prevede il Daspo come per gli stadi: sanzione in caso di violazione delle norme, allontanamento e divieto di tornare sul "luogo del delitto". È una delle misure previste dal nuovo documento approvato in Giunta e presto al vaglio di commissioni comunali e assemblea civica. "Un provvedimento urgente e necessario - ha detto in conferenza stampa il sindaco Paolo Truzzu - visto che l'ultimo regolamento risale al 1931". Tra gli articoli anche quello relativo al divieto di bivacco e accattonaggio. Con un appello del sindaco ai cittadini: "Capisco il buon cuore, ma non fate più l'elemosina. Tutte le situazioni di disagio sono monitorate dal Comune. Chi sta in strada rifiuta un tetto o il nostro aiuto. L'elemosina paradossalmente - ha chiarito Truzzu - non aiuta chi vive queste situazioni ad uscire dallo stato di disagio in cui si trova". I controlli saranno più stringenti grazie all'arrivo di altri sessanta agenti della polizia municipale. Tra i divieti quello di consumare bevande lontano dai luoghi di somministrazione dati in concessione ai locali: una mossa contro la mala movida di solito combattuta a suon di ordinanze. Regolamento duro anche con i parcheggiatori abusivi che sollecitano il pagamento di un dazio per i posteggi. Sotto tutela, poi, il litorale del Poetto con il no alla plastica mono uso e alle sigarette. "Si tratta di divieti che tutelano la fruibilità della città da parte dei cagliaritani", ha sottolineato il sindaco. Soddisfatto il comandante della polizia locale Guido Calzia: "E' un regolamento che ci consentirá di lavorare meglio, snello, per i piccoli e grandi problemi di Cagliari. Non si poteva rimanere fermi a 90 anni fa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

VIDEO: Un attacco aereo russo colpisce un ecoparco nella regione di Kharkiv

Bombardieri russi e cinesi intercettati vicino all'Alaska, Mosca: parte della cooperazione militare

Herzog a Roma tra le proteste, Meloni: "Lavorare a soluzione due Stati, Italia vicina a Israele"