EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Smog: inchiesta Torino, in corso tre consulenze tecniche

Fascicolo riguarda vertici Comune e Regione Piemonte
Fascicolo riguarda vertici Comune e Regione Piemonte
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 28 DIC - Un'indagine epidemiologica, un'analisi delle sostanze sprigionate nell'aria, uno studio sulle iniziative per la mobilità sostenibile: sono tre le consulenze tecniche che erano state ordinate dalla procura di Torino nell'inchiesta della magistratura su eventuali responsabilità della pubblica amministrazione per l'inquinamento che grava sulla città. Gli specialisti interpellati dai magistrati hanno chiesto di posticipare di qualche mese il deposito delle loro conclusioni data la complessità degli accertamenti. Il fascicolo riguarda i vertici del Comune e della Regione: gli ex sindaci Chiara Appendino e Piero Fassino, il governatore Alberto Cirio e il suo predecessore Sergio Chiamparino, gli assessori (o ex assessori) Alberto Unia, Matteo Marnati, Enzo La Volta, Stefania Giannuzzi, Alberto Valmaggia. Tutti, nel febbraio del 2021, hanno ricevuto un avviso di garanzia. L'indagine epidemiologica dovrà valutare se i decessi registrati nel capoluogo piemontese siano superiori rispetto ai livelli attesi in base alle statistiche. Si tratta di un aggiornamento di un lavoro che era già cominciato nel 2017, quando il procedimento giudiziario aveva le mosse in seguito all'esposto di Roberto Mezzalama, un esperto in valutazioni ambientali che in seguito diede vita al comitato 'Torino Respira'. In parallelo alle analisi sulle sostanze presenti nell'aria si sta sviluppando uno studio sugli accorgimento che potrebbero essere presi per limitare l'inquinamento: l'attenzione è rivolta, fra l'altro, alle iniziative verso la mobilità sostenibile, visto che il traffico è "l'indiziato" principale. Gli specialisti prenderanno in esame la situazione di altre città italiane e anche di altri Paesi. Sarà un passaggio importante per capire se le misure adottate dagli amministratori torinesi e piemontesi sono state sufficienti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 luglio - Pomeridiane

Gaza, incontro a tre sul post-guerra: mancano i diretti interessati

Olimpiadi di Parigi 2024, già si parte con calcio e rugby a sette: il programma completo