This content is not available in your region

Turchia-Israele, prove di disgelo

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli  Agenzie:  Ap
euronews_icons_loading
Il presidente turco Erdogan
Il presidente turco Erdogan   -   Diritti d'autore  Burhan Ozbilici/AP

Il presidente turco Erdogan ha ricevuto mercoledì i membri della comunità ebraica turca e russa. Tra gli ospiti dell'incontro c'erano il rabbino capo turco, Ishak Haleva, e il rabbino capo russo, Berel Lazar. 

La Turchia sta cercando di uscire dall'isolamento internazionale migliorando i suoi rapporti con altri paesi come l'Egitto, gli Emirati Arabi, l'Arabia Saudita e appunto Israele.

"L'atteggiamento sincero e costruttivo di Israele nel contesto degli sforzi di pace contribuirà senza dubbio al processo di normalizzazione dei nostri rapporti" ha detto Erdogan

Turchia e Israele erano un tempo alleati, ma negli ultimi 10 anni i rapporti si sono deteriorati. Erdogan ha sostenuto apertamente Hamas, il gruppo fondamentalista che governa la Striscia di Gaza dal 2007 e che appartiene alla galassia dei Fratelli Musulmani, come il suo partito.

Nel 2018 la più grave crisi diplomatica: Ankara espulse l'ambasciatore israeliano "a causa dei morti a Gaza" e Israele in risposta cacciò il console a Gerusalemme. Dopo lo spostamento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme e i 61 palestinesi uccisi dai soldati israeliani negli scontri a Gaza, Ankara richiamò i suoi ambasciatori da Usa e Israele. 

A luglio, dopo l'elezione del nuovo presidente israeliano Itzhak Herzog, Erdogan fu tra i primi capi di Stato a chiamarlo per complimentarsi, in una conversazione durata oltre 40 minuti e considerata un passo distensivo tra i Paesi. Durante l'incontro di mercoledì Erdogan ha detto che la Turchia attribuisce "grande importanza" al rinnovato dialogo con il presidente israeliano Isaac Herzog e il primo ministro Naftali Bennett.