EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Maltempo: in Sicilia conta dei danni, diverse strade chiuse

Ponte crollato sarà demolito, da questa mattina non piove
Ponte crollato sarà demolito, da questa mattina non piove
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 12 DIC - Non piove da questa mattina in Sicilia mentre si contano i danni di questa nuova ondata di maltempo. La situazione più grave tra Alcamo e Castellammare del Golfo, dove è crollato un ponte sulla statale 187. Ieri si temeva che anche la parte rimasta ancora in piedi rischiasse di finire sul fiume San Bartolomeo ma non è stato così . "Sono in corso verifiche anche con il genio militare - spiegano dal Comune di Castellamare - per stabilire come demolire il troncone del ponte". Un tratto di strada strategico per i tanti pullman che la mattina portano gli studenti pendolari nelle scuole del territorio. Come vie di fuga resta la statale che porta allo svincolo autostradale della Palermo-Trapani e la strada provinciale 2 che ha anche problemi di viabilità per la presenza di diverse buche, Nel palermitano ci sono altre situazioni critiche. A Mezzojuso è stata chiusa la strada in contrada Cardonera perché il manto stradale è franato in diversi punti. Tre le frane che si sono aperte nelle zona tra Cefalà Diana e Godrano. Una nuova frana anche sulla strada provinciale 26 interessata da alcuni cedimenti dell'asfalto. Chiusa la strada Bagni tra Cefala Diana e Cannitello in territorio di Godrano. Altra frana sulla statale 113 nella zona di Molara a Termini Imerese e una seconda frana sempre sulla statale 113 nel territorio di Cefalù. Grave la situazione anche a Palermo, nella zona del Papireto, dove l'acqua si riversa sulla carreggiata. Sono in corso sopralluoghi tra i tecnici del Comune e la protezione civile. In queste ore i vigili del fuoco del comando provinciale stanno eseguendo tutta una serie di controlli sugli edifici dove sono state segnalate situazioni di pericolo di crollo di calcinacci. Continuano intanto i controlli sulle dighe in Sicilia. Per evitare l'esondazione è iniziata in queste ore in alcuni invasi lo sversamento controllato dell'acqua in eccedenza. Al momento. fanno sapere dalla Protezione Civile, la situazione è costantemente monitorata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Yemen: attacco di Israele contro Hodeida, morti e feriti nella città controllata dagli Houthi

Guerra a Gaza: decine di morti nel campo di Nuseirat, la Nuova Zelanda contro Israele

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace