EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bussi, fascicolo anche a Roma, indagati vertici Mite

Al centro revoca bando bonifica discariche
Al centro revoca bando bonifica discariche
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PESCARA, 19 NOV - Quattro indagati tra i vertici dirigenziali e amministrativi del ministero della Transizione ecologica, nell'ambito di uno dei filoni d'inchiesta relativi alla cosiddetta maxi discarica dei veleni di Bussi sul Tirino (Pescara). Omessa bonifica, falso e omissioni: queste le ipotesi di reato contestate ai quattro funzionari ministeriali, dopo le indagini dei Carabinieri Forestali di Pescara. Il fascicolo in questione, come riferito nell'edizione odierna del TgR Abruzzo, è stato trasferito alla Procura di Roma per competenza, dato che i presunti reati sarebbero stati commessi negli uffici del ministero. Al centro l'intricata vicenda del bando ministeriale per la bonifica delle discariche '2a' e '2b'. Risale al 2015 la relativa gara da 45 milioni di euro, vinta tre anni dopo dal raggruppamento di imprese guidato dal colosso belga Dec Deme. Nel 2020, però, ci fu un colpo di scena, quando il ministero ha revocato la procedura. L'atto di revoca è stato poi bocciato dal Tribunale amministrativo, che ha accolto il ricorso presentato, tra gli altri, dalla Regione Abruzzo e dal Comune di Bussi. L'illegittimità della revoca è stata successivamente confermata, a giugno scorso, anche dal Consiglio di Stato. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Balcani: il lago di Prespa è allo stremo, appello delle ong alle istituzioni

Le notizie del giorno | 16 luglio - Serale

Cina e Russia iniziano un'esercitazione congiunta nell'Oceano Pacifico