euronews_icons_loading
Più di 1200 espositori al Dubai Airshow, le speranze dell'industria aeronautica

Mentre si lotta ancora contro la pandemia si è aperto a Dubai il più grande salone aeronautico al mondo. Il 17° Dubai Airshow cerca di fare di tutto per rilanciare un settore pesantemente fiaccato negli ultimi due anni dal crollo dei voli e dalla messa a terra di centinaia di aerei di tutte le compagnie. Ma intanto nella capitale degli Emirati arabi Uniti si sono presentati espositori provenienti dai oltre 20 paesi con uno schieramento di almeno 160 aerei in vetrina.

Le dimensioni dell'evento

"Questo è il più grande salone aeronautico mai organizzato a Dubai - dichiara trionfante Timothy Hawes organizzatore del Dubai Airshow 2021 - abbiamo oltre 1200 espositori, 370 dei quali sono presenti in fiera per la prima volta, ci sono 20 padiglioni nazionali ... quindi questo non è solo un evento regionale, c'è un enorme interesse internazionale qui..."

Si torna a volare

Mentre le principali rotte aeree internazionali sono perfettamente riaperte e le grandi destinazioni degli Stati Uniti accolgono nuovamente nei loro scali un certo flusso di turisti le restrizioni di viaggio subiscono le oscillazioni del caso. La speranza naturalmente è quella di un definitivo ritorno alla normalità. La compagnia Emirates ha registrato un aumento delle entrate dell'81% da aprile a settembre del 2021 ed ha trasportato oltre 6 milioni di passeggeri. Ma sentiamo direttamente il presidente di Emirates Airlines Tim Clark: "Pensavo che avremmo potuto toccare questa cifra nell'estate di quest'anno, ma è arrivata la variante Delta (coronavirus n.d.r.) ed ha complicato gli affari riportandoci indietro. Quello che stiamo osservando adesso è solo l'inizio del percorso che con un po' di fortuna ci porterà alla situazione della pre-pandemia entro l'estate del prossimo anno con la capacità di far rientrare i comandanti per pilotare i 380".

Tutta l'industria aeronautica proiettata nel futuro delle emissioni zero

Sostenibilità e progressi tecnologici sono in agenda, in armonia con le risoluzione dell'International Air Transport Association del mese scorso, secondo cui l'industria globale del trasporto aereo spera di raggiungere emissioni zero di C02 entro il 2050. PerColin Mahoney, Presidente della Collins Aerospace i loro esperti di avionica si assicurano che gli aeroplani volino nel modo più efficiente possibile. Inoltre i loro recenti investimenti puntano allo sviluppo di aeromobili in grado di operare a temperature molto diverse ed integrano nelle superfici elementi che riducono resistenze e attriti.

Le dimensioni degli affari

Intanto nel primo giorno dell'Airshow sono già stati annunciati e siglati accordi miliardari. Indigo Partners, società proprietaria anche di Wizz Air, ha annunciato ordini per 255 Airbus A321, per 33 miliardi di dollari. Il Ministero della Difesa degli Emirati Arabi Uniti ha siglato contratti per quasi un miliardo e mezzo di dollari. Lo riportano le testate locali emiratine. L'emiro di Dubai Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro EAU, ha commentato che questi annunci sono la dimostrazione che il mondo sta definitivamente tornando alla normalità. "Il successo dell'Airshow di Dubai è la nostra risposta alla pandemia", ha detto il primo ministro bin Rashid Al Maktoum.

La presenza italiana

All'evento partecipa anche l'italiana Leonardo che ha portato a Dubai il suo velivolo W609 e una selezione di aziende di Lombardia Aerospace Cluster. La partecipazione per "cogliere le nuove opportunità di lavoro che la nuova fase apre. È un'occasione che molte nostre imprese hanno voluto cogliere tanto è vero che siamo arrivati a raccogliere una delegazione composta da circa trenta rappresentanti della nostra industria", ha detto il presidente Angelo Vallerani. L'AirShow di Dubai è iniziato domenica all'aeroporto internazionale Al Maktoum e al Dubai World Central e durerà finoa giovedì. Tra i partecipanti per la prima volta c'è Israele, dopo la firma degli accordi di Abraham. L'Israel Aerospace Industries (IAI) ha stretto una storica partnership con la compagnia aerea Etihad di Abu Dhabi.